Obiettivi raggiunti e sbocchi lavorativi

lavoro sbocchi occupazionali sportello scuola professionale movento stipendio meccanico inserimento job day

L’unione tra la didattica individualizzata e personalizzata, l’intensa attività di post-formazione ed il supporto dello sportello lavoro, ci ha consentito, anno dopo anno, di registrare risultati occupazionali sempre più soddisfacenti, a conferma di una sinergia tra scuola-studenti-territorio che porta valore aggiunto per tutti gli attori coinvolti.

Sportello lavoro

La collaborazione, consolidata negli anni, con le aziende, i C.S.L. (ex centri di collocamento), le agenzie interinali, gli enti e le associazioni in linea con i nostri valori, garantisce agli studenti Movento un coinvolgimento diretto con il mondo artigianale e industriale del territorio.

Grazie ad una rete composta da oltre 250 aziende ed enti, lo sportello lavoro della scuola Movento favorisce un inserimento lavorativo rapido e soddisfacente, con tempi di occupazione di circa 3/4 mesi dalla data di conseguimento del titolo.

Lo sportello si pone l’obiettivo di gestire al meglio la transizione dalla scuola al mercato del lavoro per ogni studente.

Sbocchi lavorativi

Gli sbocchi, oltre che molteplici, sono soprattutto non congestionati. Questo perché, da un lato, ci sono sempre più veicoli in circolazione (Fonte: ACI, 2022) e dall’altro sempre meno persone che sanno fare questo mestiere.

Chiaramente occorre fare un distinguo tra novizi e professionisti: i primi solitamente frequentano almeno un corso di formazione professionale mentre i secondi si iscrivono per lo più a corsi di specializzazione.

Per le due categorie, gli sbocchi saranno differenti in termini di responsabilità, persone gestite, autonomia e stipendio annuo.

In particolare, al termine del corso un novizio può entrare come:

  • Meccanico junior, apprendista o aiuto meccanico in officine, concessionarie, autodemolizioni, centri di riparazione, rivendite veicoli;
  • Manutentore mezzi in imprese industriali (es. mezzi pesanti), agricole (es. trattori) o commerciali (es. flotte).

Il professionista invece, oltre che alle aziende nominate poc’anzi, può puntare anche ai settori adiacenti essendo autonomo (es. gommisti o carrozzieri) oltre che ad aprire la propria attività.

CONTATTA LA SEGRETERIA PER

O per richiedere maggiori informazioni sul corso che desideri frequentare